Analista e formatore specializzato in analisi Intelligence, OSINT, sicurezza delle informazionicybersecurity awareness – con particolare riferimento al social engineering – e nello sviluppo del pensiero critico applicato ai processi decisionali. Da molti anni insegno in diversi Master che trattano tali tematiche. Dal 1° aprile 2020 sono Direttore Scientifico del Centro Italiano di Strategia e Intelligence (CISINT).

Dopo 27 anni trascorsi nelle Forze Armate e dopo aver ricoperto l’incarico di Consigliere per l’analisi strategica e la cybersecurity del Ministro della Difesa, ho deciso di cambiare radicalmente la mia vita seguendo la mia più grande passione: la formazione continua.

Occupandomi da anni di analisi Intelligence ed ingegneria sociale, ho maturato la ferma consapevolezza che gli anni che stiamo vivendo presentano un importante paradosso: all’aumentare delle informazioni disponibili, diminuisce la nostra capacità decisionale ed aumentano, al contempo, le nostre possibilità di errore.

Inoltre, questo sovraccarico informativo ci rende particolarmente vulnerabili ad attività di disinformazione e di ingegneria sociale.

Non è un caso che tra i temi all’ordine del giorno di ogni azienda e istituzione pubblica vi siano la questione delle fake news, la gestione dei social network e il fattore umano quali principali vulnerabilità nell’ambito della cybersecurity.

E’ con questa consapevolezza che ho maturato l’idea di creare “Proteggimi”, un’ideale invocazione d’aiuto della nostra mente la quale, per quanto perfetta, deve essere costantemente allenata attraverso la formazione esperienziale, continuata nel tempo. A mio avviso, solo in questo modo è possibile  approcciare in maniera differente e più consapevole le informazioni e individuare con maggior efficacia eventuali minacce.

L’ essere umano rappresenta la prima forma di difesa per ogni organizzazione, ma è davvero tale solo quando è messo in condizione di prenderne coscienza.

Per questa ragione, nei miei corsi propongo un approccio pragmatico che mette ogni frequentatore nella condizione di poter conoscere i propri limiti e attuare le relative contromisure. 

Seguimi su Linkedin